Il cubo di Rubik


Basta a impazzire intorno al rompicapo di Rubik! Un’altra risposta l’ha data Google, grazie ad un team di ricerca che ha fatto quadrato trovando tutte le possibili combinazioni.

Utilizzando la potenza di calcolo offerta da Google, un gruppo di ricercatori ha trovato ogni possibile soluzione al famigerato Cubo di Rubik, scoprendo che può essere risolto in meno di 20 mosse.

I ricercatori impegnati nella colorita e colorata ricerca sembrano quasi dare i numeri: ognuna delle 43.252.003.274.489.859.000 di possibili posizioni del longevo rompicapo può essere risolta in massimo 20 mosse!

Questo calcolo (il numero massimo di mosse per risolvere un cubo utilizzando l’algoritmo più efficiente) ha un nome altisonante: “Numero di Dio”. E in passato era stato detto che corrispondesse a 52 (nel 1981) e a 28 (nel 2005): oggi, grazie alla capacità di calcolo messa a disposizione da Google, questo numero risulta essere 20.

L’attuale record del mondo di soluzione del Cubo di Rubik (senza l’ausilio di computer) è stato registrato nel 2008 ed è di 7,08 secondi, 36,72 secondi usando i piedi!

———————————————————-

Ernő Rubik (Budapest, 13 luglio 1944) è uno scultore, architetto e designer ungherese all’istituto universitario d’arte e design Moholy-Nagy Művészeti Egyetem di Budapest. Deve principalmente la sua notorietà all’invenzione dell’omonimo cubo e di altri giochi di logica e strategia.

Rubik nasce durante la Seconda guerra mondiale a Budapest. Suo padre era ingegnere areospaziale, sua madre poetessa. Laureatosi nel 1967 in ingegneria civile presso l’università di Budapest (Műszaki Egyetem) inizia a studiare scultura e architettura d’interni. Dal 1971 al 1975  lavora come architetto, per poi far ritorno all’Accademia d’Arte di Budapest assumendo la cattedra di architettura. Durante questo periodo, nel 1974, inventa il cubo, che inizialmente si diffonde in modo limitato in alcuni circoli scientifici.

Agli inizi del 1980 diviene editore di una rivista di enigmistica dal nome “… És játék” (“… e giochi”). In questo periodo il Cubo inizia a diffondersi anche internazionalmente, dando origine ad una “mania” che spinge il rompicapo ad essere in assoluto il gioco più venduto di quel periodo, ed il suo creatore a divenire la persona più ricca del suo paese.

Nel 1983 crea il Rubik-Studio, per la progettazione di mobili e giochi. Nel 1990 diventa presidente dell’Accademia di ingegneria d’Ungheria. Nell’ambito della stessa crea la “Fondazione Rubik”, per promuovere giovani ingegneri e designer particolarmente dotati. Attualmente Rubik si occupa dello sviluppo di videogiochi, di architettura e dirige ancora il Rubik-Studio.

fonte wikipedia.it

Annunci
Pubblicato on 15 agosto 2010 at 11:18  Commenti disabilitati su Il cubo di Rubik